Viaggiare declinato al femminile

la valigia del lettoreVisto che abbiamo cominciato a parlare di viaggi, vi racconto di una scoperta che ho fatto qualche tempo fa mentre esaminavo le numerose tipologie di guide turistiche che esistono. Del resto c’è la guida giusta per ciascun tipo di viaggiatore e – soprattutto in tempi moderni – non c’è viaggiatore che non si armi della guida turistica ideale.

Ho notato che da qualche anno a questa parte sono numerose le guide espressamente dedicate alle donne. Il fenomeno mi ha incuriosita, al punto da decidere di passare in rassegna le pubblicazioni, perché se da un lato è vero che il viaggiare da sole per le donne è una conquista tutto sommato recente… Dall’altro lato ci domandiamo che differenze sia possibile riscontrare nel modo di viaggiare di uomini e donne.

Donne in viaggio

Le prime risposte le troviamo in “Donne in viaggio. Piccola guida per girare il mondo al femminile” di Chiara Meriani (Astraea, euro 9,90) che ci offre una prima risposta perché oltre a offrire consigli per l’organizzazione mette a disposizione anche molti suggerimenti di turismo responsabile e riflessioni sul senso del viaggio.

Manuale della viaggiatrice

A questo fa seguito “Il manuale della viaggiatrice” di Federica Brunini (Morellini, euro 11,90) che dispensa le buone regole per preparare un bagaglio giusto, per muoversi con disinvoltura sia in una metropoli sia in una foresta pluviale (senza rinunciare ai tacchi a spillo); dritte, avvertenze e strategie per viaggiare serene, dalla A di aeroporto alla Z di zone off limits.

In viaggio da sole

Le fa eco Rita Ferrauto con “In viaggio da sole. Itinerari, consigli e letture per donne che girano il mondo” (Sperling & Kupfer, euro 17,00) che non solo consiglia le letture, la musica, il film giusti per prima, durante e dopo il viaggio, ma propone anche cosa acquistare e gustare in ciascun posto del vostro itinerario.

Forse, allora, qualcosa di diverso nel modo di viaggiare… Esiste davvero. Voi che ne pensate?

C

2 commenti

Archiviato in Riflessioni, Viaggio

2 risposte a “Viaggiare declinato al femminile

  1. Non so rispondervi, così su due piedi. Ho viaggiato con uomini e con donne; ho viaggiato spesso con mio figlo bambino e poi ragazzino, ancora oggi, adolescente, talvolta mi concede una vacanza insieme. Ho viaggiato bene con tutti i tipi di compagnia, per potervi dire se c’è un modo femminile di viaggiare dovrei rifletterci su e ripercorrere con la memoria innumerevoli viaggi, lunghi e brevi, che m’è accaduto di fare…. Intanto vorrei segnalarvi questo sito, amiche viaggiatrici: http://www.permesola.com Buona giornata e dolci sogni a occhi aperti sul vostro prossimo viaggio!

    • Grazie del suggerimento Lia, anche noi abbiamo fatto diversi viaggi sole e in compagnia, di uomini, donne o di entrambi e proprio per questo stiamo riflettendo e creando motivo di riflessione. In ogni caso siamo d’accordo su un punto: un viaggio è un sogno ad occhi aperti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...