Archivi categoria: Sul comodino

La mia vita a impatto zero

Finalmente è venuto il mio turno… e non vedevo l’ora di scrivere questo post, dedicato (come annunciato nel mio precedente) al libro che presenterò venerdì pomeriggio alla libreria Cavallotto di Corso Sicilia, a Catania: “La mia vita a impatto zero” di Paola Maugeri.

Quello che ha fatto Paola Maugeri è un’azione che le rende merito anche solo per essersi messa alla prova in questa impresa. Una decisione che per Paola Maugeri affonda le proprie radici nel suo passato remoto… E il libro (oltre a essere uno spunto per interessanti riflessioni) è divertentissimo proprio perché capitolo per capitolo, infarcisce la narrazione di un’esperienza dura (ma quanto mai gratificante) di aneddoti gustosi, massime antiche e ricette di famiglia (magari rivisitate e corrette in ambito vegetariano e/o vegano).

Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in Biografie, Riflessioni, Storie vere, Sul comodino

451 °F

Sono stata molto indecisa sul post di oggi. Ho rimuginato a lungo sulla questione…  Il fatto è che dal mio ultimo post, non ho fatto che ripensare a “Fahrenheit 451” di Ray Bradbury: l’ho ripreso dallo scaffale, riaperto, riletto, annusato a pieni polmoni, fino a sentire l’odore di quella carta un po’ invecchiata e ingiallita dal tempo e dalle tante letture saturare il mio olfatto.

In realtà però avevo previsto di scrivere un altro post oggi per invitare i lettori catanesi a una presentazione che terrò nel pomeriggio di lunedì alla libreria Cavallotto di Corso Sicilia. E alla fine sono giunta a una soluzione. Oggi un libro al “superquadrato”, lunedì rubo il post a Mariangela così metto a posto le cose e vi invito ufficialmente… ma voi potreste già segnare in agenda l’appuntamento in libreria. Continua a leggere

3 commenti

Archiviato in Fantascienza, Libri al quadrato, Riflessioni, Sul comodino, Utopie e distopie

Kafka e la bambola viaggiatrice

Sono sempre stata una bambina piuttosto assennata. E non ho mai perso la mia bambola preferita. Non ho mai sofferto questa sorta di “distacco con responsabilità” che vive Elsi, ragazzina protagonista insieme allo scrittore Franz Kafka, del romanzo di cui parliamo oggi: “Kafka e la bambola viaggiatrice” di Jordi Sierra i Fabra. Non ho mai vissuto questo dolore, ma se mi fosse capitato di perdere la mia amica del cuore, la mia confidente segreta e silenziosa, mi sarebbe piaciuto che qualcuno inventasse per me la stessa strategia anti-sofferenza ideata da Kafka per questa bimbetta, pur di vederla smettere di piangere, pur di non sentire quei singhiozzi. Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Ragazzi, Romanzo, Storie vere, Sul comodino

Ciao, tu…

Ho riflettuto molto su quale libro scrivere il post di oggi. Il fatto è che – come sono sempre stata solita fare – leggo più libri contemporaneamente… Non vi sarà difficile dunque immaginare lo stato del mio comodino: un vano per accogliere le numerose letture in corso e una torre di Pisa pericolante sulla superficie principale (che molto spesso finge che di potersi estendere all’infinito aprendo il cassetto sottostante, e poi quello ancora più in basso, creando così anche un pericoloso piano inclinato). Non sapevo decidere quale fra questi libri raccontarvi, così ho deciso di segnalarvi un romanzo epistolare buono per tutte le stagioni (quelle coccole letterarie che ti sanno offrire conforto) che puntualmente ogni inizio d’anno scolastico, mi trovo a rileggere… Normalmente – ma non solo – in classe con i miei alunni. (Già perché io sono anche un’insegnante di lettere). Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Ragazzi, Romanzo, Sul comodino

Se Cappuccetto Rosso diventa Nero

Avevo voglia di favole questa settimana, ma soprattutto, in più di un’occasione, anche con Carla, avevo parlato di una casa editrice che si occupa di favole per bambini e che io adoro.

La casa editrice si chiama Orecchio Acerbo e di libri, negli anni, ne ho letti diversi.

Questa settimana ho ripescato Aprile quella porta! di Jacques Benoit che Orecchio Acerbo ha pubblicato nel 2009. Qualche anno fa insomma. Ma le favole non scadono mai, no?

In questo libro, con illustrazione bellissime, si racconta la storia di Cappuccetto Rosso, in un modo che non avete mai letto, perchè l’autore mette insieme le favole più famose al mondo e le stravolge.

Continua a leggere

2 commenti

Archiviato in Libri Illustrati, Sul comodino

Gioco metaletterario di un Traduttore su “N.d.T”

Ci sarebbero infiniti aggettivi (qualificativi) che ci permetterebbero di invogliarvi all’acquisto di questo romanzo: particolare, innovativo, divertente, irriverente. Ma quello che più frequentemente è tornata nei racconti-spiegazione-recensione-descrizione del romanzo in questione  (fatti a mia mamma, a Mariangela, agli amici…) è – senza dubbio – stato “GENIALE“. E questo per tanti, tantissimi motivi: a partire dall’idea alla base della narrazione, per finire con l’impostazione grafica del romanzo, passando per i mille e più “rimandi” e citazioni che trovano spazio all’interno del romanzo.

Vediamo di spiegare dentro cosa ci troviamo. Quando si apre “La vendetta del traduttore” di Brice Matthieussent ci immergiamo nelle note a piè pagina (quelle che si trovano al di sotto di una linea nera che divide il testo tradotto dalle N.d.T, ossia le note del traduttore). Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in Libri al quadrato, Riflessioni, Romanzo, Sul comodino

Il giovane Holden: a catcher in the rye

Di tanto in tanto mi capita. Non sono una che rilegge spesso, ma ci sono alcuni titoli della mia biblioteca personale che di tanto in tanto tornano sul mio comodino… E sempre con mia somma soddisfazione. Sono un po’ dei libri rifugio, in cui torno a cercare eventi e situazioni che in qualche modo mi aiutano a mettere ordine nella mia vita.

Il giovane Holden” è un po’ così. Mia mamma mi suggerì di leggerlo quando avevo la stessa età, la stessa voglia di rivalsa, la stessa rabbia incontenibile nei confronti del mondo, lo stesso desiderio di ribellione del protagonista Holden Caulfield. Mia mamma sosteneva non solo che l’avrei amato con tutta me stessa,  ma anche che mi sarei identificata molto con Holden e che – magari – leggerlo mi avrebbe aiutata a capire di più anche il mondo degli adulti. Io ero un po’ perplessa: cosa avrei potuto trovare in un romanzo, pubblicato nel 1951 e facente riferimento alle settimane immediatamente precedenti al Natale del 1947? Ma già dopo poche pagine avevo dovuto ricredermi, perché l’attualità della storia è incredibile… Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in Classici, Ragazzi, Sul comodino